Una finestra aperta

Mi stacco per un momento dal mio racconto, per scrivere un po’ di me.

Ho sempre bisogno di volare con la fantasia per vivere la realtà e ho bisogno di fare il processo inverso per vivere meglio la fantasia.

E’ un periodo affascinante. Mi esploro tanto, tanto da rischiare di perdermi dentro me stessa. Trovo risposte a domande. Me le rifaccio. Trovo altre risposte. Arrivo a soluzioni. Sfascio tutto di nuovo.

Interrogo il mio passato e guardo al futuro. Avida di conoscenze, bramosa di ignoto.

Tuttavia, oggi mi sono resa conto che spesso mi sfuggono i dettagli del presente.

Allora, ho visto il suo sorriso, il suo maglione bianco, i suoi occhi che mi guardavano mentre ridevamo. Non ho visto solo me stessa che si fa domande anche mentre parla con lui, che si sente fuori posto e poi va in bagno a guardarsi allo specchio, pensando: come sarà stato per lui guardarmi? Oggi no. Lui è lo stesso di qualche mese fa, quello che chiedevo alla luna di far restare nel mio letto. Quello dal cui abbraccio non mi liberavo ma volevo scappare. Lo stesso al quale ho detto: “Non posso stare con uno come te, ne ho avuti troppi, restiamo amici”. Mi sta riuscendo abbastanza bene, ma altrettanto bene mi è riuscito tormentarmi chiedendomi perché mai non si è innamorato di me alla follia. Ché siamo così simili e così stronzi. E così impauriti dall’amore e così liberi da catene. Così allegri e così intraprendenti. Fragili e orgogliosi. E allora, perché mai non si è innamorato di me?

Non si è innamorato. Punto. Sono una che ha difficoltà a farsi amare, sono sempre sfuggente e poi quando fuggono li cerco. Ho da sempre una paura fottuta dell’amore. Non si è innamorato di me, ma nemmeno io, a dirla tutta, mi sono innamorata di lui. Inseguivo, per abitudine, l’uomo che più di tutti, nel mucchio, mi avrebbe fatta sentire viva e il giorno dopo morta. Inseguivo l’instabilità emotiva unita al meraviglioso piacere carnale. L’adrenalina. E mentre lo inseguivo, scappavo per paura di me stessa.

Oggi le parole erano quelle che abbiamo detto, non indizi su cui indagare.

Lui ha un bel sorriso, dei begli occhi e indossava un bel maglione. Io ho un bel sorriso, dei begli occhi e indossavo una camicia fighissima. Il sole entrava attraverso i vetri. E per un breve momento, non mi sono fatta domande. Ho smesso di scavare per capire. Ho goduto del presente. Mi ha ridato aria, è stato come aprire una finestra dopo un tempo troppo lungo dentro una stanza chiusa, a respirare aria viziata.

Advertisements

14 thoughts on “Una finestra aperta

  1. “Non posso stare con uno come te, ne ho avuti troppi, restiamo amici”.

    ho la sensazione abbia rispettato alla lettera la tua volontà, dovresti apprezzarlo per questo 😉

    se non sono indiscreto… perché tutto questo bisogno di essere amata???

    Liked by 1 person

    1. Molto “banalmente”, insicurezza. In ogni storia, mi sento quasi in dovere di meritarmi l’amore. Un casino.
      E, riguardo a lui, lo apprezzo davvero 😉 ero un po’ stanca di tormentarmi aspettando un messaggio!

      Like

      1. non mi pare affatto “banale” l’insicurezza è una direttrice base delle relazioni, pensa che noi dovessimo vivere tutti di certezze.
        Comunque se vivi nella convinzione di meritare l’amore significa che ti vuoi bene e che ti stimi, questa è una GRAN bella cosa.

        Liked by 1 person

      2. Mi sono spiegata male: io penso di meritare l’amore (in questo momento, mentre ne parlo con te), ma quando sono dentro una relazione, faccio di tutto per meritarmelo, come se lo dovessi dimostrare.
        Ci sto lavorando 😉

        Like

      3. lo diceva anche Proust, idealizzare non è poi così sbagliato, l’importante è ridurre al minimo il traumatico impatto con la realtà, insomma… “credevo fossi il più figo del mondo invece sei solo il più figo del condominio ma… ti prendo lo stesso” 😉 🙂 😀

        Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s